Skip to Content

Category Archives: Eventi

Secondo apputamento webinar dedicato alla filiera dell’idrogeno: Trasporto, stoccaggio e logistica

ENERGIA DALL’IDROGENO

Infrastrutture e strumenti per la trasformazione sostenibile dell’Industria

H2IT – in collaborazione con  ANIMAAssolombarda, FAST ed EEN – organizza 5 webinar gratuiti  dedicati alla filiera dell’idrogeno.

Si tratta di 5 appuntamenti dedicati, nei quali le voci dell’industria e della ricerca protagoniste dello sviluppo del settore in Italia, illustreranno come si sta delineando la filiera dell’idrogeno e quali sono le opportunità di mercato per il nostro Paese.

Secondo Appuntamento

# Trasporto, stoccaggio e handling

14 maggio 2020 | ore 10.30 – 12.00

Panoramica sulle modalità di trasporto dell’idrogeno e sui sistemi di stoccaggio, dai più classici ai più innovativi, con approfondimenti sulla normativa e sugli aspetti legati alla sicurezza.

  • Pietro Torretta – Presidente UNI
  • Marcello Baricco, Professore ordinario – Università di Torino Panoramica sulle tecnologie per la logistica dell’idrogeno

  • Cecilia Fouvry-Renzi, H2 Transformation Project Director – Air Liquide Trasporto su strada  e Infrastrutture di rifornimento

  • Dina Lanzi –  Head of Technical Hydrogen – Snam Trasporto nella rete gas

  • Cristiano Fiameni – Direttore Tecnico CIG Comitato Italiano Gas L’idrogeno in rete, stato dell’arte della normativa

  • Stefano Capponi – Business Development – Tenaris Modalità di stoccaggio
  • Luigi Capobianco – Vigile del Fuoco Uso dell’idrogeno e prevenzione dei rischi

Iscriviti subito 

Per vedere il calendario dei prossimi webinar, clicca qui

La partecipazione ai webinar è a numero chiuso e gratuita, previa iscrizione online.
Per ragioni tecniche della piattaforma, occorre effettuare una registrazione per ciascun appuntamento di interesse.

È necessario iscriversi entro il giorno precedente ed è opportuno verificare i seguenti requisiti: una connessione internet veloce (ADSL), un browser aggiornato e una connessione audio-video.

Vi aspettiamo numerosissimi!

READ MORE

Primo apputamento webinar dedicato alla filiera dell’idrogeno: La produzione

ENERGIA DALL’IDROGENO

Infrastrutture e strumenti per la trasformazione sostenibile dell’Industria

H2IT – in collaborazione con  ANIMAAssolombarda, FAST ed EEN – organizza 5 webinar gratuiti  dedicati alla filiera dell’idrogeno.

Si tratta di 5 appuntamenti dedicati, nei quali le voci dell’industria e della ricerca protagoniste dello sviluppo del settore in Italia, illustreranno come si sta delineando la filiera dell’idrogeno e quali sono le opportunità di mercato per il nostro Paese.

Primo Appuntamento

# LA PRODUZIONE DI IDROGENO

14 maggio 2020 | ore 10.30 – 12.00

Panoramica sullo sviluppo del mercato delle tecnologie idrogeno con focus sulle modalità di produzione dell’idrogeno: stato dell’arte e prospettive.

  • Alberto Dossi – Presidente H2IT, Presidente gruppo Sapio
  • Stefano Campanari, Professore ordinario – Politecnico di Milano Panoramica sullo sviluppo e sul mercato delle tecnologie idrogeno

  • Mauro Senili, Responsabile dipartimento “Hydrogen, Fuel cell, On site chemical plants – SOL Produzione idrogeno stato dell’arte e prospettive

  • Diana De Rosmini, Sales Manager Southern Europe – McPhy Energy Tecnologie per la produzione di idrogeno da rinnovabili

  • Valerio Coppini, Vice Presidente Business Development NextChem Altre modalità di produzione dell’idrogeno

  • Paola Comotti, Innovhub SSI e Presidente Commissione UNI “Idrogeno” Normativa tecnica dell’idrogeno nei sistemi energetici

  • Mario Sisinni, Market Analyst – Strategia di Sistema – TERNA Sector coupling e scenari di sistema

Iscriviti subito 

Per vedere il calendario dei prossimi webinar, clicca qui

La partecipazione ai webinar è a numero chiuso e gratuita, previa iscrizione online.
Per ragioni tecniche della piattaforma, occorre effettuare una registrazione per ciascun appuntamento di interesse.

È necessario iscriversi entro il giorno precedente ed è opportuno verificare i seguenti requisiti: una connessione internet veloce (ADSL), un browser aggiornato e una connessione audio-video.

Vi aspettiamo numerosissimi!

READ MORE

5 appuntamenti webinar dedicati alla filiera dell’idrogeno

ENERGIA DALL’IDROGENO

Infrastrutture e strumenti per la trasformazione sostenibile dell’Industria

H2IT – in collaborazione con ANIMAAssolombarda, FAST ed EEN – organizza 5 webinar gratuiti  dedicati alla filiera dell’idrogeno.

Il quadro europeo rivisto con il Green Deal definisce l’idrogeno un’area primaria di intervento e gli attribuisce un ruolo chiave nel raggiungimento di un’energia pulita, sicura e a basso prezzo in Europa. Nel quadro industriale italiano sono già presenti stakeholder con esperienza e competenze, che svolgono un ruolo importante nell’apertura del mercato per le applicazioni dell’idrogeno oltre a PMI e start-up innovative impegnate nello sviluppo dei modelli di business.

L’iniziativa nasce in questo contesto in rapida evoluzione, con l’obiettivo di fornire un quadro sulle prospettive di sviluppo della catena del valore dell’idrogeno: dalla sua produzione, passando per la gestione, aspetti di sicurezza, logistica e trasporto, fino agli usi finali per la mobilità, nell’industria e nel settore residenziale.

Si tratta di 5 appuntamenti dedicati, nei quali le voci dell’industria e della ricerca protagoniste dello sviluppo del settore in Italia, illustreranno come si sta delineando la filiera dell’idrogeno e quali sono le opportunità di mercato per il nostro Paese.

Primo Appuntamento

# LA PRODUZIONE DI IDROGENO

 14 maggio 2020 | ore 10.30 – 12.00

Panoramica sullo sviluppo del mercato delle tecnologie idrogeno con focus sulle modalità di produzione dell’idrogeno: stato dell’arte e prospettive.

Iscriviti subito 

# TRASPORTO, STOCCAGGIO E HANDLING DELL’IDROGENO

 28 maggio 2020 | ore 10.30 – 12.00

Iscriviti subito 

# DECARBONIZZAZIONE DEGLI USI INDUSTRIALI

 11 giugno  2020 | ore 10.30 – 12.00

Iscriviti subito 

# APPLICAZIONI STAZIONARIE E SUPPLY CHAIN

 25 giugno 2020 | ore 10.30 – 12.00

Iscriviti subito 

# L’IDROGENO PER LA MOBILITA’ DI MERCI E PERSONE

 9 luglio 2020 | ore 10.30 – 12.00

Iscriviti subito 
COME PARTECIPARE

La partecipazione ai webinar è a numero chiuso e gratuita, previa iscrizione online.
Per ragioni tecniche della piattaforma, occorre effettuare una registrazione per ciascun appuntamento di interesse.

È necessario iscriversi entro il giorno precedente ed è opportuno verificare i seguenti requisiti: una connessione internet veloce (ADSL), un browser aggiornato e una connessione audio-video.

Vi aspettiamo numerosissimi!
READ MORE

Frans Timmermans: L’idrogeno, un’area in cui l’Europa è ancora in testa

Comunicato stampa FCH KJU – Stakeholder Forum – 21 Novembre 2019

L’idrogeno è pronto a creare un’economia a emissioni zero, conferma lo Stakeholder Forum organizzato da FCH JU

“La transizione verso l’energia verde non è un’opzione, ma una necessità. Vedo un ruolo chiave per l’idrogeno pulito … è un’area in cui l’Europa è ancora in testa. Perché non estendere il vantaggio su qualcosa che potrebbe essere una delle soluzioni più importanti per l’energia pulita? ‘ ha dichiarato Frans Timmermans, Vicepresidente della Commissione europea, nella sessione di apertura dello Stakeholder Forum FCH JU, il 21 novembre a Bruxelles.

“La cosa più importante è trovare il modo di ottenere successi relativamente rapidi per dimostrare alle persone che questa soluzione funziona” ha continuato Timmermans “, rivolgendosi al forum che riunisce esperti di energia e clima, e gli stakeholder dell’industria, della ricerca, delle istituzioni dell’UE e degli enti locali e regionali.

L’idrogeno è una componente essenziale della transizione energetica dell’Europa e per gli sforzi per ridurre le emissioni di carbonio e contrastare i cambiamenti climatici. Si prevede pertanto che svolgerà un ruolo importante a livello europeo nel Green Deal della Commissione. Il settore FCH è anche una fonte preziosa di posti di lavoro futuri e crescita in un’economia verde.

Le discussioni tra i 500 partecipanti e più al Forum si sono concentrate su come affrontare i rimanenti ostacoli al spiegamento, l’importanza di promuovere una cultura dell’innovazione per l’attivazione di nuovi mercati e dell’impatto di sinergie e dello scaling up sulla crescita e l’occupazione.

I delegati hanno esplorato gli ultimi sviluppi del settore, mostrando come l’Europa sta capitalizzando i nuovi sviluppi del settore FCH e procedendo verso un’economia a emissioni zero.
I relatori delle quattro sessioni hanno riflettuto sugli ultimi successi della FCH JU e sui modi per rafforzare le relazioni tra soggetti privati ​​e pubblici in questo settore in crescita rapida. Hanno sottolineato la necessità di potenziare e migliorare la regolamentazione, nonché rafforzare il sostegno pubblico e le sinergie tra i finanziamenti.

Bart Biebuyck, direttore esecutivo di FCH JU, ha sottolineato i risultati del programma:

“Entro la fine dell’anno, FCH-JU avrà sostenuto 263 progetti per un investimento pubblico-privato combinato di 2 miliardi di euro”. In questi progetti, per ogni euro di denaro pubblico il settore privato ha ugualmente investito un euro. In Horizon 2020,  i partner privati ​​hanno investito 4 volte di più di quanto inizialmente richiesto. Ciò dimostra l’enorme volontà del settore di investire”

Success Stories

READ MORE

Assolombarda: l’idrogeno tra i punti fermi della strategia italiana sull’energia

Assolombarda ha presentato ieri a Milano il libro bianco ‘Il futuro dell’energia’ per analizzare gli scenari e le prospettive in ambito energetico. Energia, Innovazione e competitività le tre parole intorno alle quali si è costruito il report. All’interno gli scenari energetici e la visione dell’industria su: efficienza energetica, FER e reti elettriche, Idrogeno, Gas, Biomentano ed Economia circolare.

Questo è il quinto di 5 volumi, che l’associazione dedica ai temi strategici per la crescita del Paese, ed è stato presentato da Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda, e Fabrizio Di Amato, vicepresidente Energia, Centro Studi, Sviluppo delle filiere e Cluster di Assolombarda.

Gli industriali sottolineano come l‘energia sia una realtà di imprese ad alto valore per l’economia. “Basti pensare – si legge in una nota – che per ogni euro di valore aggiunto del segmento ‘energia in senso stretto’ vengono attivati 1,1 euro aggiuntivi nel resto dell’economia italiana (1,2 in Lombardia)”. Tutto l’ecosistema, che comprende e integra più segmenti (dalla componentistica ai servizi di ingegneria e costruzioni alla produzione, vendita e distribuzione di energia), vale 62 miliardi di euro di valore aggiunto, 11 dei quali nella sola Lombardia, e occupa oltre 600mila dipendenti, 93mila dei quali in Lombardia.

“La transizione energetica può rappresentare una grande opportunità e per farlo deve coniugare un’economia low carbon e sostenibile, con approvvigionamenti energetici sicuri ed economici, a vantaggio di un tessuto industriale competitivo, dinamico e innovativo”, viene spiegato.

Le nove idee per lo sviluppo dell’ecosistema energia, in altrettante aree di riferimento:

  1. Semplificazione amministrativa/autorizzativa e certezza delle norme;
  2. Sostenibilità;
  3. Gas;
  4. Idrogeno;
  5. Efficienza energetica;
  6. Biocarburi e chimica verde;
  7. Biometano;
  8. Autoconsumo;
  9. Fonti rinnovabili (FER) e Reti elettriche.

 

Fonte: Il Giorno Milano

READ MORE

Il Thailand botanical garden va a idrogeno con Enapter

ll giardino botanico in questione è un centro di ricerca scientifica e attrazione situato nella provincia di Chonburi in Tailandia.
Il giardino di 600 acri intende utilizzare l’idrogeno come soluzione di accumulo di energia per dimostrare che è indipendente dalla rete locale e dai combustibili fossili.

Nongnooch Tropical Botanical Garden sta lavorando in collaborazione con Enapter, produttore di elettrolizzatori a idrogeno, nel tentativo di “salvare il futuro e fornire schemi e conoscenze” per “spingere verso un’energia a zero emissioni”.

Kampon Tansacha, il proprietario del giardino, ha condiviso il suo impegno per la tecnologia dell’idrogeno ospitando l’8 ottobre un seminario, nell’ambito della conferenza sulla tecnologia dell’idrogeno “The Big Thing” promossa da Enapter.

Il workshop pratico, organizzato da Enapter, ha dimostrato come costruire un’intera microgrid funzionante a energia solare e utilizzando un accumulo di energia a base di idrogeno. Il seminario ha accolto i partecipanti da tutto il mondo che hanno imparato a costruire un sistema di energia a idrogeno. Hanno raggiunto una comprensione comune di come utilizzare l’idrogeno come fonte di energia alternativa più sicura e più pulita e hanno costruito il sistema di energia solare-idrogeno che è stato presentato nel giardino di Nongnooch.

“Questo giardino unico e gli ideali sui quali si basa la sua conservazione ci offrono l’ambiente ideale per illustrare il sistema Enapter”, ha affermato Sebastian-Justus Schmidt, Presidente di Enapter.

“Crediamo che l’idrogeno sia una soluzione per sostituire i combustibili fossili e abbia grandi implicazioni sia per il futuro dell’energia che per la conservazione del nostro pianeta. Siamo orgogliosi di essere in grado di fornire una dimostrazione pratica di ciò a tutti coloro che hanno partecipato al seminario ”. Il famoso giardino botanico tropicale Nongnooch, costruito da Tansacha, è noto per il suo centro di ricerca sulle piante da seme preistoriche ed è stato creato con il chiaro intento di preservare fiori e piante tropicali.

Ricordiamo che Enapter ha da poco aperto a Pisa uno stabilimento di produzione seriale di elettrolizzatori modulari per la produzione di idrogeno che permetterà  di ridurre i costi del 20% e aumenta la capacità di produzione di otto volte per una generazione di idrogeno più economica.

READ MORE

Evento SNAM – In Italia l’Industria è pronta, l’Idrogeno è adesso

Lo scorso 10 e 11 ottobre a Roma si è svolto un evento di grande importanza per lo sviluppo del settore idrogeno in Italia, perchè segna l’inizio di un percorso condiviso tra industria, ricerca e Istituzioni che porterà l’idrogeno ad essere tra i protagonisti della strategia energetica Italiana.

L’iniziativa “The Hydrogen Challenge – 2019 Global ESG Conference” organizzata da Snam con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il supporto di H2IT, di Hydrogen Europe (HE) e dell’Internatinal Energy Agency (IEA)e l’intervento del Direttore generale di IRENA. La conferenza è stata caratterizzata dalla partecipazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, accolto dal presidente di Snam Luca Dal Fabbro e dall’amministratore delegato Marco Alverà.

10 Ottobre, Roma

All’evento, tra gli altri, sono intervenuti il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e il sottosegretario per gli Affari Esteri e la cooperazione internazionale Manlio Di Stefano. Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha inviato un video intervento. Hanno inoltre preso parte alla conferenza il Nunzio Apostolico Emil Paul Tscherrig, il presidente dell’ARERA Stefano Besseghini, il direttore esecutivo della IEA Fatih Birol, la presidente della COP26 Claire Perry, il direttore esecutivo dell’Environmental Defense Fund Europe Bryony Katherine Worthington, il principal advisor della DG Energy della Commissione europea Tudor Constantinescu, il direttore generale di IRENA Francesco La Camera, la presidente di S&P Global Market Intelligence Martina Cheung, il managing director di Blackrock Eduard Ruijs e il CEO di Microsoft Italia Silvia Candiani. Il presidente di State Grid Corporation of China Kou Wei ha inviato un video intervento.

Le altre aziende intervenute nel corso della giornata sono Allianz Global Investors, BNPP AM, BofA Merrill Lynch, DNV GL, Enagas, Northern Gas Networks, Nuovo Pignone, Rina, Sapio e Unicredit.

Presentato studio Snam-McKinsey

In Italia l’idrogeno ha grandi prospettive di sviluppo in virtù del significativo potenziale naturale per la produzione di energia solare ed eolica, dalla quale è possibile ricavare “idrogeno verde” tramite elettrolisi dell’acqua, e della capillare rete di trasporto gas esistente. Secondo uno studio Snam-McKinsey, presentato all’evento insieme al libro “Generation H” di Marco Alverà, l’idrogeno potrebbe arrivare a coprire quasi un quarto (23%) della domanda nazionale di energia entro il 2050 in uno scenario di decarbonizzazione al 95% (necessario per rientrare nel target di contenimento del riscaldamento globale entro 1,5°), più dell’attuale quota di mercato combinata dell’elettricità generata da fonti rinnovabili e fossili (20% nel 2018). Questa crescita potrebbe verificarsi grazie alla progressiva e ormai consolidata diminuzione del costo di produzione dell’energia elettrica rinnovabile solare ed eolica e a una contestuale riduzione del costo degli elettrolizzatori, determinata dalla produzione di idrogeno verde su larga scala. Il maggior potenziale di utilizzo di idrogeno riguarda il settore dei trasporti (camion, bus e treni), quello residenziale (riscaldamento) e alcune applicazioni industriali (raffinazione e processi che richiedono elevate temperature).

Nel mese di aprile di quest’anno, a Contursi Terme (Salerno), Snam ha avviato per prima in Europa la sperimentazione di una miscela di idrogeno al 5% e gas naturale nella rete di trasmissione servendo due aziende della zona. L’impegno di Snam nell’idrogeno rientra nel progetto Snamtec, varato nell’ambito del piano strategico al 2022 e caratterizzato da 850 milioni di euro di investimenti in transizione energetica e innovazione.

READ MORE

Workshop-Celle a combustibile: un futuro per tutti

Workshop-Celle a combustibile: un futuro per tutti

Questo evento e opportunità di informazione sulle celle a combustibile si terrà il giorno 12 Novembre 2019 presso il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia dalle ore 9.00.

La giornata è gratuita e rivolta a tutti e in particolare:

  • agli operatori economici di ogni settore  che desiderano approfondire le potenzialità delle celle a combustibile ed esplorare la possibilità di un loro utilizzo su propri prodotti o di avviarne la produzione;
  • alle associazioni ambientaliste;
  • agli amministratori politici.

 

Lo scopo principale del workshop è fornire le informazioni sufficienti a iniziare un percorso di valutazione e decisione.

Saranno mostrati esempi di applicazioni in ambito industriale.

Per motivi organizzativi si richiede di iscriversi a questo link entro e non oltre il 31 Ottobre 2019:

https://forms.gle/TqHQZnZuzBj1AWZA8

La sede dell’evento è il polo ingegneristico del DIEF, in via Vivarelli, 10 – MO
https://goo.gl/maps/HqmDXQH7Jv7ucrYXA

Per ulteriori informazioni contattare: marcello.romagnoli@unimore.it

READ MORE

Hydrogen for Climate Action – Event

Hydrogen Europe, insieme alla DG GROW, ha organizzato la conferenza Hydrogen for Climate Action, che si svolgerà mercoledì 9 ottobre a Bruxelles.

Attualmente è in preparazione un importante progetto di comune interesse europeo (IPCEI) sull’idrogeno. Con questo strumento, la Commissione europea contribuirà a rilanciare l’industria europea dell’idrogeno per raggiungere gli obiettivi climatici dell’UE.

Accanto alla conferenza, si svolgerà anche un’esposizione per mostrare le diverse tecnologie dell’idrogeno e le loro applicazioni. Per ulteriori informazioni e per registrarsi, visitare il sito Web della conferenza:

https://www.hydrogen4climateaction.eu/

 

READ MORE

Secondo Tavolo Idrogeno al MiSE – 31 le proposte di progetti presentate

Il secondo incontro sull’idrogeno

Si è tenuta ieri al MiSE la seconda riunione del Tavolo sull’idrogeno, presieduta dai Sottosegretari Crippa e Cioffi, a cui hanno partecipato le imprese e gli enti di ricerca che hanno presentato 31 proposte progettuali multi aziendali o trasversali, così come era stato richiesto nel corso della prima riunione del 20 giugno scorso.

Questo nuovo incontro è stato convocato per favorire il coinvolgimento di tutti i soggetti presenti nell’attuazione delle iniziative avviate a livello internazionale nel settore dell’idrogeno. A tal riguardo, il MiSE è attivamente impegnato sia a conoscere lo stato di avanzamento dei progetti presentati sia a favorire lo sviluppo di progetti legati all’idrogeno che possano avere effetti positivi in ambito energetico, tecnologico, occupazionale e sociali.

L’idrogeno da energia rinnovabile può assumere, infatti, un ruolo rilevante per il raggiungimento degli obiettivi del PNIEC nell’ambito del percorso di decarbonizzazione.

“L’analisi dei 31 progetti presentati dai partecipanti – ha dichiarato il Sottosegretario Crippa – ha fornito un quadro aggiornato della situazione relativa allo sviluppo delle tecnologie dell’idrogeno nei vari segmenti della filiera industriale. Mi fa piacere constatare che gli ambiti dei progetti iniziali presentati dalle aziende, riguardano tematiche che sono strettamente correlate con gli obiettivi del PNIEC sulla decarbonizzazione dei trasporti, dei processi industriali e dell’accumulo di energia (power to gas)”.

Tre gruppi di lavoro

Alla luce dei progetti presentati e dei primi esiti ricognitivi, sono stati proposti tre gruppi di lavoro nei quali i partecipanti si confronteranno per predisporre un’analisi di fattibilità delle iniziative proposte che ne approfondisca gli aspetti economici e operativi in un’ottica di sviluppo industriale, e ne studi i vari aspetti normativi e regolamentari relativi a tutta la filiera dell’Idrogeno, compresa la regolazione sul settore elettrico per gli accumuli e la partecipazione al mercato.

“Produrre e stoccare idrogeno da rinnovabili è una grande opportunità industriale, dobbiamo liberare tutta la nostra capacità tecnologica così da poter fronteggiare e rispondere alla sfida della decarbonizzazione al 2050 – ha dichiarato il Sottosegretario CioffiL’obiettivo del tavolo di lavoro e dei relativi sottogruppi tematici è quello di supportare il decisore politico nella individuazione dei settori industriali più promettenti per far sì che l’industria italiana sia in grado di rispondere alla domanda generata dal governo, così da non ripetere gli errori del passato”.

Come previsto da un cronoprogramma condiviso, i Gruppi di Lavoro coordinati dal MiSE, dovranno concludere il loro mandato indicativamente entro la fine di ottobre 2019, attraverso la presentazione di una relazione che individui: obiettivi delle azioni, eventuali fattori critici/requisiti di successo, tempi di realizzazione e modelli economico-finanziari. L’insieme delle relazioni e le scelte di intervento del MiSE costituiranno il piano di riferimento delle azioni successive.

Source: Comunicato stampa MiSE

READ MORE

Questo Sito Web utilizza i cookie.Usando e navigando ulteriormente su questo Sito Web accetti la nostra privacy policy e i terms and conditions  Informazioni dettagliate sull'uso dei cookie su questo Sito Web sono disponibili facendo clic sulle impostazioni dei cookie. cookie settings .

×